Menu Reiki Reiki Rimini logo Corsi e Seminari

Controindicazioni del Reiki

Ovviamente noi vi diremmo che il reiki non ha controindicazioni, e ciò sarebbe corretto in un mondo perfetto, tuttavia vi segnaliamo quello che scrivono i detrattori, che non sono tanto controindicazioni del reiki, ma piuttosto controindicazioni relative ad alcuni terapisti non troppo etici. In definitiva viene contestato quanto di seguito (liberamente tratto in parte da wikipedia):

Alcune testimonianze riportano che in talune persone il Reiki induce soggezione psicologica poiché può portare a ritenere che il Reiki possa risolvere qualsiasi problema, fino a fare trascurare le terapie tradizionali, di dimostrata efficacia, curando ogni male (o affrontando ogni situazione della vita) con tale disciplina. Inoltre, il Maestro a cui ci si affida può far leva sul grado di influenza che ha sugli adepti per strutturare forme di condizionamento del tutto simili a quelle presenti all'interno delle sette.

Più in generale, del reiki si contesta che non ha alcuna valenza scientifica: non sono disponibili studi scientifici seri (studi controllati "in cieco", pubblicati su riviste autorevoli che ne garantiscano la serietà); inoltre, le spiegazioni fornite, basate su squilibri energetici, energia cosmica, canali energetici e così via, pur comuni nel campo delle medicine alternative, sono completamente estranee alla scienza moderna, e si collegano piuttosto a concezioni magiche.
Si afferma che il Reiki, mancando di ogni fondamento scientifico, deve i suoi eventuali (e comunque non dimostrati) benefici all'effetto placebo.
Altra tesi sostenuta dagli scettici è che il Reiki non sarebbe altro che un terapia per stare bene con sé stessi, non aspettandosi il praticante alcun significativo effetto di guarigione da alcunché.

In definitiva la pericolosità del trattamento Reiki è simile a quella di molte altre forme di medicina alternativa: spingere il praticante ad abbandonare forme di cura scientifiche per privilegiare forme di cura alternative prive di alcuna prova scientifica.

Inoltre aggiungerei che esistono anche dei personaggi che si inventano reiki master allo scopo di truffare e di trarre profitto dal reiki, senza alcun titolo o formazione, visto che non esiste un albo professionale dei terapisti reiki, quindi quando contattate un terapista o un reiki master controllate le sue credenziali e il suo lignaggio. E' l'unico modo per evitare "cattive sorprese". Viviamo in un'epoca difficile, come direbbe una nota venditrice televisiva (di cui non faccio il nome) "per ogni persona come me ogni giorno nascono almeno 1000 c.....".

Cercate di non rientrare nei 1000!!

Chiunque dotato di un po' di senso critico sa che è sempre possibile dimostrare tutto ma anche l'opposto e tutti hanno sempre ragione. Fa parte del modo "umano" di pensare, dove la logica è spesso sfuggente.

Controindicazioni del Reiki Controindicazioni del Reiki

Cosa non fare

Ci sono alcune regole d'oro da adottare in alcuni contesti specifici. Ad esempio evitare di farsi trattare da persone che non hanno nemmeno il primo livello, come ben sappiamo la differenza fra un pranoterapeuta e un praticante reiki consiste nel tipo di energia che viene canalizzata. Una persona che non è stata sottoposta all'inizializzazione potrebbe veicolare energia sua e non reiki. Questo potrebbe produrre effetti negativi sia sulla persona che tratta (perchè correrebbe il rischio di perdere energia che gli serve) sia per chi riceve (o meglio subisce in questo caso) il trattamento, perchè potrebbe assorbire energia "contaminata" dallo stato d'animo dell'altra persona. Fatevi trattare sempre da persone di comprovata preparazione. Non improvvisatevi reikisti, non pensate di poter dare reiki solo perchè avete letto un libro. Provate a leggere un manuale tecnico su come si corrono i 100 metri piani e poi andate a correre per vedere se vi ha portato beneficio. C'è differenze fra un esperto di 100 metri piani e un centometrista. Lo stesso vale per tutto, anche per il reiki.

Inizio Pagina