Menu Reiki Reiki Rimini logo Corsi e Seminari

Reiki e Sciamanismo

(a cura di Patrik)

Sarebbe più corretto invertire i termini, ovvero sciamanismo e reiki, visto che è nato prima lo sciamanismo. Avrete notato che uso il termine "sciamanismo" e non "sciamanesimo" perchè il secondo richiama di più una religione o un movimento religioso cosa che non è. Lo sciamanismo è nato con l'uomo, con le prime forme di società primitive.

Per alcuni versi quando Usui ha scoperto il reiki dopo svariati giorni di digiuno non ha fatto niente di dissimile da quello che fanno gli sciamani nella danza della visione. Quindi ad un certo livello diventa difficile distinguere fra le varie discipline di questo tipo, ovvero di manipolazione dell'energia. La mia particolare esperienza è iniziata con lo sciamanismo e i suoi rituali alquanto elaborati per poi arrivare al reiki e all'egyptian healing, ma non uso mai un solo metodo, piuttosto li fondo secondo le esigenze e le possibilità del momemnto, per poi arrivare al miglior risultato finale. Non di rado unisco una classica tecnica di limpia sciamanica ad un trattamento reiki o di egyptian healing.

Ricordate che uno dei sette principi Huna ( sciamanismo hawaiano ) dice "L'efficacia è la misura della realtà" che significa anche che non c'è mai un solo modo per fare la stessa cosa. Sta a noi trovare il modo più efficace, ma sarà il modo più efficace solo per noi perchè ognuno di noi è diverso ed ha caratteristiche e potenzialità diverse. Quindi il primo passo è sempre insegnare ed imparare tecniche originali, senza personalizzazioni, che poi all'occorrenza ognuno di noi aggiunge nella pratica quotidiana, secondo il "sentire" del momento.

Mentre reikista si diventa, sciamano si nasce (nel senso che la predisposizione è innata e va poi coltivata con la pratica e con l'aiuto di un maestro). Di seguito una foto di un ritrovo di sciamani moderni di matrice tolteca, la struttura verde a igloo è la capanna sudatoria, che è uno dei principali riti che vengono svolti durante queste riunioni.

Sciamanismo

Di seguito la capanna sudatoria con il cammino dell'energia fra il fuoco e la capanna (delimitato con dei sassi) dove passano i sassi roventi che vengono poi trasportati all'interno della capanna per riscaldarla.

Sciamanismo, capanna sudatoria

La pratica dello sciamanismo è diffusa in tutto il mondo, si divide in diversi filoni come ad esempio Sciamanismo Tolteco, Sciamanismo Siberiano, Sciamanismo Eschimese e Sciamanismo Huna solo per nominare i più conosciuti fra quelli tradizionali. Poi, degno di nota, fra le rielaborazioni recenti c'è lo Sciamanismo Harneriano (insieme di pratiche codificare da Michael  Harner e chiamate da lui core shamanism).

La caratteristica che contraddistingue lo sciamano è il viaggio sciamanico. Lo sciamano attraverso il suono del tamburo o il ritmo dei sonagli raggiunge uno stato di coscienza non ordinario  per entrare nella realtà impercettibile dello spirito per cercare aiuto per sé stesso e  gli altri. Sciamano deriva da shamàn che nella lingua Tungus (Siberia) indica la persona che è in grado di mettere in comunicazione gli uomini con gli spiriti e di muoversi fra i mondi. Per lo sciamano esistono tre mondi, quello intermedio dove ha sede l'ordinario, il nostro mondo di tutti i giorni, il mondo di sopra e quello di sotto.

Quando ci si avventura su questa strada (e non lo si fa per moda o per gioco) occorre avere un maestro, la via dello sciamano è lastricata di difficoltà e di insidie. Ma è la pratica più antica ed anche la più potente, richiede dedizione e spirito di sacrificio (come direbbe uno sciamano, "un intento inflessibile").

Altre pagine di approfondimento:

- Sciamanismo Eschimese

- Sciamanismo Hawaiano o Huna (I principi dello sciamanismo hawaiano tratto dagli scritti di Serge Kahili King a cura di Valentina Cossaro)

- Sciamanismo Siberiano

- Sciamanismo Tolteco

 

Inizio Pagina